avatar

Tpl Bologna

Bologna: rete tranviaria, la parola ai cittadini

Il comune di Bologna in previsione della realizzazione della rete tramviaria ha avviato un percorso di partecipazione e ascolo con i cittadini.

In vista della realizzazione della prima linea tranviaria (prevista dal Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, adottato lo scorso 27 novembre) l’Amministrazione Comunale di Bologna e la Fondazione Innovazione Urbana hanno avviato in questi giorni  un percorso informativo e di analisi delle criticità legate ai futuri interventi, con il coinvolgimento attivo della cittadinanza nella fase di progettazione preliminare attraverso un percorso che si articolerà in quattro fasi.
 
Obiettivo dell'amministrazione comunale in queste fasi preliminari è quello di comunicare le fasi del progetto del tram fin dal progetto di fattibilità tecnica e economica; attivare percorsi di ricerca sugli impatti e comunicazione su alcuni nodi progettuali; attivare azioni di prossimità per favorire lo scambio di informazioni,  la raccolta di dati e l’attivazione di un dialogo tra amministrazione e cittadinanza; supportare la progettazione dell’amministrazione 
 
La prima fase, da marzo 2019, prevede, fra le altre azioni, l'apertura di uno spazio digitale: all’indirizzo http://partecipa.comune.bologna.it/ sarà disponibile un breve questionario esplorativo con l’obiettivo di avviare una ricognizione pubblica e accessibile a tutti i cittadini interessati. Al termine di questa fase, entro maggio, verranno stilate alcune linee guida in risposta ai quesiti più frequenti.
 
Durante la seconda fase (fine marzo-dicembre 2019) un team di operatori della Fondazione Innovazione Urbana, con il supporto dei Quartieri coinvolti, avvierà un percorso di interviste, incontri informali e incontri pubblici per cittadini, associazioni, imprese del territorio.
 
La terza fase (maggio-dicembre 2019) di accompagnamento alla progettazione consiste nella realizzazione di incontri con gruppi di cittadini utilizzando strumenti di simulazione per far emergere criticità e possibili risposte progettuali: con la presenza di facilitatori e progettisti, l’obiettivo è condividere possibili soluzioni per mitigare impatti del cantiere e valorizzare l’infrastruttura assemblee pubbliche per evidenziare possibili soluzioni alle criticità emerse.
 
La campagna di comunicazione verrà lanciata durante la quarta fase (giugno-dicembre 2019) e comprenderà la realizzazione di un sito internet dedicato, la produzione di volantini informativi, materiali di comunicazione da diffondere via web.

Scarica allegato

Open
Pubblicato il 12 marzo 2019 da massimiliano torre
Tags: