avatar

Napoli, bus fermi: "Non c'è più gasolio"

Bus in tilt, a Napoli la benzina è finita

L'aveva annunciato ieri Anm: "Tra tagli governativi e regionali, i fondi per pagare stipendi, contributi, fare manutenzione, pagare le assicurazioni, comprare il gasolio si sono ridotti del 40%. E gli autobus mercoledì si fermano". Così è stato: è caos per il tpl campano, con solo una trentina di mezzi in servizio sui 300 che compongono normalmente il servizio. Oltre la metà dei 300 autobus fermi sono rientrati in deposito a causa dell'esaurimento del carburante dopo le corse delle prime ore del mattino

Napoli - Questa mattina va in tilt il tpl su gomma a Napoli, sciopero selvaggio? No: mancanza di gasolio.

 

La quasi totalità degli autobus dell'Anm-Azienda Napoletana Mobilità, è rimasta nei depositi (o ci è tornata dopo il primo giro) perchè la società non è più in grado di garantire l'acquisto di carburante. 

 

Mariano Cassandro, della Faisa-Cisal risponde alle domande dei giornalisti: "Che dobbiamo fare? Non possiamo fare altro che aspettare il gasolio. Ieri una fornitura di carburante è stata addirittura rimandata al mittente perchè il fornitore si era accorto di non aver ancora ricevuto il bonifico del pagamento." 

 

"Siamo alla disperazione - dicono i lavorator intervistati dalla Repubblica Napoli - temiamo di perdere il posto, la situazione è drammatica". 

 

L'annuncio del blocco era stato postato ieri dalla stessa azienda sulla sua pagina facebook: "Il 30 gennaio mattina (oggi), per mancanza gasolio il servizio non sarà garantito #anm #napoli".

 

Una comunicazione shock, che stamani si è puntualmente avverata ma i disagi per alcuni mezzi fermi o in pesante ritardo erano già cominciati ieri pomeriggio. In città è scoppiato il caos. 

 

Con questi tagli - scrive Anm sul proprio sito - è "ovvio che non è più possibile fare le cose che si facevano prima" per cui l'Azienda non è nella condizione di "assicurare più mezzi, manutenerli etc".

 

Non è questione di volontà o capacità - sottolinea - è questione di possibilità". 

 

Comunque, per la mattinata, è atteso un primo rifornimento di gasolio nei principali depositi. La consegna - si apprende da un portavoce della stessa società - dovrebbe essere in grado di far riprendere il servizio alla maggior parte dei bus entro mezzogiorno.  Secondo i dati riferiti dall'Anm, gli autobus in servizio stamani sono stati in tutto una trentina rispetto ai 300 che normalmente circolano a Napoli: una ventina sono usciti dal deposito della zona orientale e una decina da quello di Garittone-Carlo Terzo. Dopo aver garantito le corse delle prime ore della mattina - si apprende sempre dalla Anm - molti degli autobus sono rientrati per l'esaurimento del carburante.  Regolari - precisano all'Anm - sono stati i servizi sulla linea R2, una delle più utilizzate, e su quella per l'aeroporto.

Scarica allegato

Open
Pubblicato il 30 gennaio 2013 da Pietro Barabino
Tags: primo_piano
  • avatar Giuliano Guidotto

    6 anni fa