avatar

Tpl Milano

Milano: Metropolitana, via libera del Ministero alle frenate di emergenza "dolci"

Dopo i ripetuti casi di frenate brusche che hanno causato allarme l'Atm corre ai ripari: dal Ministero è arrivato il via libera alle modifiche al sistema che controlla le fermate di emergenza

"Lungo la linea metropolitana L1 le frenate saranno addolcite per mitigare gli effetti degli stop d'emergenza. E si attende l'ok per applicare lo stesso meccanismo anche alla Linea 2. Il meccanismo per diminuire l'intensità dei blocchi d'emergenza causati da falsi allarmi ha appena ottenuto il via libera dal ministero dei Trasporti". E' quanto si apprende da una nota diffusa in queste ore dall'azienda di trasporti milanese.
 
Nei mesi scorsi infatti i convogli in servizio sulle due linee hanno subito l'attivazione delle frenate di emergenza in assenza di un pericolo evidente causando fra i passeggeri delle metropolitana un diffuso allarme oltre a provocare diversi feriti.
Da qui la decisione di Atm di intervenire sul sistema che governa il meccanismo delle frenate di emergenza che negli episodi dei mesi scorsi ha dato una lettura errata del reale stato di pericolo bloccando la corsa dei treni.
 
Su sollecitazione dell'azienda nei giorni scorsi è arrivato il via libera del Ministero dei Trasporti: Atm potrà intervenire sui sistemi che regolano l'intensità della frenata modificando i parametri di attivazione rendendo più dolce la frenata nel pieno rispetto degli standard di sicurezza.
 
Atm ha scelto di partire dalla M1 per la «parzializzazione» dei pattini elettromagnetici. Sull'altra linea, la "verde" il problema è stato in parte superato gia nelle settimane scorse.
 
Concretamente l'azienda ha operato la rimozione di un terzo delle boe (sensori) ai deviatori che facevano scattare i blocchi. Inoltre - ha sottolineato Atm - sono stati organizzati tavoli di lavoro con i macchinisti e gli operatori di sala, intensificata la pulizia dei binari e i corsi di aggiornamento per il personale.

Scarica allegato

Open
Pubblicato il 19 dicembre 2019 da massimiliano torre
Tags: primo_piano