avatar

Tpl Roma

Roma: la funivia è fra le opere da finanziare

La funivia Battistini-Casalotti, oggetto del desiderio della sindaca Virginia Raggi, ha ottenuto in extremis il via libera dal ministero guidato dall'ex ministro Toninelli. Al nuovo ministro De Micheli il compito di mettere la firma definitiva

Secondo quanto riportato oggi da diversi organi di stampa il ministero delle infrastrutture, sotto la guida del ministro Toninelli, avrebbe inserito il «sistema urbano a fune», (tra il capolinea della metro A e la parte fuori del Gra del quartiere Boccea), fra le opere da finanziare.
 
Per completare la procedura manca la firma ufficiale della nuova inquilina del ministero dei Trasporti, Paola De Micheli, esponente del partito democratico che a Roma si è battutto contro un'opera ritenuta inutile.
 
Dal Campidoglio filtra ottimismo. Nei commenti si sottolinea che il principio della continuità amministrativa mette al riparo l'opera da ripensamenti da parte del nuovo ministro e che l'iter non può più essere bloccato.
 
Tuttavia, senza la firma del nuovo ministro (che intanto fa sapere di essere impegnata nella stesura delle linee programmatiche del ministero da illustrare in Parlamento), non può partire il bando per la realizzazione dell'opera.
 
La funivia Casalotti-Boccea, che in questi anni si è trasformata in un simbolo identitario per la giunta grillina in Campidoglio, costerà, secondo la valutazione degli uffici tecnici del comune, 109 milioni di euro.
 
Il progetto prevede  la realizzazione di una cabinovia per complessivi 3,85 km con 41 piloni e sette stazioni, e una capacità di  trasporto di 3600 persone all'ora. 

Scarica allegato

Open
Pubblicato il 09 settembre 2019 da massimiliano torre
Tags: primo_piano