avatar

Indagine Euromobility

Smart working, la grande occasione

In uno studio condotto da Euromobility l’impatto benefico del “lavoro a distanza” sulla qualità della vita

Tremila tonnellate di CO2, settemila chilogrammi di ossidi di azoto e 600 di polveri sottili sono le emissioni evitabili con la diffusione del lavoro a distanza in Italia, in forma di smart working o del più tradizionale telelavoro.

 

È quanto emerge dallo studio sullo smart working condotto da Euromobility, associazione nata nel 2000 per promuovere presso imprese private, enti e Pubbliche Amministrazioni la figura del Mobility Manager, e basato sull’indagine condotta in Italia nei mesi di lockdown.

 

Dalla rilevazione emerge che il  47% dei cittadini intervistati si dichiara molto soddisfatto dell’esperienza di lavoro agile e il 45% abbastanza soddisfatto. Il 37% vorrebbe mantenere lo smart working il più possibile, mentre il 52% si augura di poter continuare a praticarlo almeno qualche giorno a settimana.

 

La conseguenza diretta di questi dati, se messa in correlazione con l’abitudine della maggioranza dei rispondenti (il 68%) ad usare il mezzo privato per recarsi al lavoro, prefigura un futuro in cui le città si liberano dal traffico congestionato e migliora la qualità della vita e dell’aria. Per farlo, però, occorre non perdere l’occasione.

 

Non c’è dubbio che la diffusione del lavoro a distanza è in grado di portare indubbi benefici alla collettività sul piano energetico, ambientali e di riduzione della congestione. Ma anche al datore di lavoro, in termini di consumi, di spazi di lavoro ed eventuali benefit, e al lavoratore, da un punto di vista economico, di tempo e qualità della vita.

 

Nel commentare i dati dello studio Lorenzo Bertuccio, Presidente di Euromobility sottolinea che “con le dovute attenzioni ai diritti e al benessere complessivo del lavoratore  non v’è dubbio che il lavoro a distanza, in forma di telelavoro o smart working, rappresenti una grande opportunità per le nostre città e la nostra qualità della vita, con evidenti vantaggi energetici e ambientali, sia a livello locale sia a livello globale. Al netto dei nefasti effetti e conseguenze della pandemia, non c’è che da augurarsi che la “sperimentazione forzata” lasci in eredità nuovi modelli di lavoro quando l’emergenza sanitaria sarà completamente rientrata”.

Scarica allegato

Open
Pubblicato il 18 giugno 2020 da massimiliano torre
Tags: primo_piano