avatar

Tpl Padova

Veneto: Padova, Busitalia premiata per il servizio "Night Bus"

Il presidente di Busitalia Veneto ha ricevuto il premio per il servizio "Night Bus"

Diminuzione del traffico, dello smog e, soprattutto, dell’incidentalità stradale per rendere la città un posto migliore e più sano in cui vivere. Sono le motivazioni che hanno consentito a Busitalia Veneto, società del Gruppo FS Italiane, di vincere il premio per le buone pratiche urbane 2019 per il servizio "Night Bus" di Padova.  A renderlo noto, con una nota pubblicata in queste ore sul sito istituzionale, il gruppo Fs.
 
Il premio è stato consegnato lunedì scorso a Mantova al Presidente di Busitalia Veneto Andrea Ragona, nell’ambito della presentazione dei risultati del Rapporto Ecosistema Urbano 2019 sulle performance ambientali delle città.
 
Attivo dal 19 gennaio, il servizio notturno sperimentale Night Bus, gestito da Busitalia Veneto e finanziato da Comune e Università degli studi di Padova, ha riscosso da subito un enorme successo. Solo nel primo mese si sono iscritte al servizio 7mila persone.
 
"Night Bus" è un innovativo servizio a chiamata che consente di spostarsi in bus a Padova in orario notturno, dopo aver prenotato il viaggio con un’app dedicata, indicando la fermata di partenza, quella di arrivo, l’orario previsto e il numero di passeggeri. 
 
Al momento della prenotazione (possibile da una settimana a cinque minuti prima dell’orario desiderato) la piattaforma verifica la disponibilità di bus e posti e fornisce immediatamente le informazioni sui tempi d’attesa. È in funzione dalle 21.00 alle 24.00 lunedì, martedì, giovedì e domenica; mercoledì, venerdì e sabato fino alle 3.00 del mattino successivo.
 
Nei primi sei mesi di sperimentazione - fa sapere Busitalia - sono state 19mila le persone che si sono registrate sulla piattaforma Night Bus. Nell’ultimo periodo, il tasso di crescita è stato di 300 nuove registrazioni a settimana. Previsto in origine fino al 30 settembre, è quindi già stato prorogato.

Scarica allegato

Open
Pubblicato il 30 ottobre 2019 da massimiliano torre
Tags: